Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


martedì 3 giugno 2014

La perdita di carbonio dal suolo accelera il cambiamento climatico

Da “Science Daily”. Traduzione di MR

Università del Nord dell'Arizona, 24 aprile 2014

Una nuova ricerca ha scoperto che l'aumento dei livelli di biossido di carbonio nell'atmosfera spinge i microbi del suolo a produrre più biossido di carbonio, accelerando il cambiamento climatico. Questa ricerca sfida la nostra comprensione precedente su come si accumula il carbonio nel suolo.

 Una ricerca pubblicata su Science  ha scoperto che l'aumento dei livelli di biossido di carbonio nell'atmosfera spinge i microbi del suolo a produrre più biossido di carbonio, accelerando il cambiamento climatico. 

Due ricercatori dell'Università del Nord dell'Arizona hanno condotto uno studio che sfida le conoscenze precedenti su come si accumula il carbonio nel suolo. L'aumento del livelli di CO2 accelera la crescita delle piante, che a sua volta provoca più assorbimento di CO2 attraverso la fotosintesi. Fino ad ora, l'opinione accettata era che il carbonio viene immagazzinato nel legno e nel suolo per lungo tempo, rallentando il cambiamento climatico. Tuttavia, questa nuova ricerca suggerisce che il carbonio supplementare fornisce combustibile ai microorganismi nel suolo i cui sottoprodotti (come il CO2) vengono rilasciati nell'atmosfera, contribuendo al cambiamento climatico.

“Le nostre scoperte significano che la natura non è così efficiente nel rallentare il riscaldamento globale come pensavamo in precedenza”, ha detto Kees Jan van Groenigen, ricercatore al Centro per la Scienza dell'Ecosistema e della Società alla NAU (Northern Arizona University) e autore principale dello studio. “Trascurando questo effetto dell'aumento del CO2 sui microbi del suolo, i modelli usati dal IPCC potrebbero aver sovrastimato il potenziale del suolo di immagazzinare carbonio e mitigare l'effetto serra”. Per capire meglio come rispondono i microbi del suolo alla mutevolezza dell'atmosfera, gli autori dello studio hanno utilizzato tecniche statistiche che confrontano i dati ai modelli e testano gli schemi generali fra gli studi. Hanno analizzato i risultati pubblicati di 53 diversi esperimenti nelle foreste, praterie e campi agricoli in tutto il mondo. Questi esperimenti hanno tutti misurato come il CO2 in eccesso nell'atmosfera condizione la crescita delle piante, la produzione microbica di biossido di carbonio e la quantità totale di carbonio del suolo alla fine dell'esperimento.

“Abbiamo creduto a lungo che i suoli fossero un posto stabile e sicuro per immagazzinare carbonio, ma i nostri risultati mostrano che il carbonio del suolo non è così stabile che pensavamo”, ha detto Bruce Hungate, direttore del Centro per la Scienza dell'Ecosistema e della Società alla NAU e autore dello studio. “Non dovremmo compiacerci dei continui aiuti da parte della natura nel rallentamento del cambiamento climatico”.

Fonte della storia:
La storia sopra è basata su materiali forniti dall'Università dell'Arizona del Nord. Nota: i materiali potrebbero essere modificati in contenuto e lunghezza.  

Rivista di riferimento:
1. Kees Jan van Groenigen, Xuan Qi, Craig W. Osenberg, Yiqi Luo, e Bruce A. Hungate. Faster Decomposition Under Increased Atmospheric CO2 Limits Soil Carbon Storage. Science, 2014 DOI: 10.1126/science.1249534 

1 commento:

  1. Sia la capacità di catturare carbonio atmosferico da parte delle piante, sia l'attività microbica dei suoli più che dalla quantità di CO2 dipendono dall'acqua disponibile e dalla temperatura.
    Probabilmente ne avranno tenuto conto, ma dal riassunto non risulta.

    RispondiElimina